4 commenti

An Education, Lone Scherfig

Titolo: An Education

Regia: Lone Scherfig

Anno: 2009

Cast: Carey Mulligan, Peter Sarsgaard, Alfred Molina, Cara Seymour, Dominc Cooper, Rosamund Pike, Olivia Williams, Emma Thompson

Genere: Drammatico

TRAMA: La giovane Jenny è una brillante studentessa sedicenne la cui vita viene stravolta da David, un uomo maturo che le farà scoprire la bella vita, il sesso.

Era il piovoso 9 marzo 2012. Quel giorno c’era stata una tormenta terribile, e al bar Torrisi di Caltagirone (il paese dove studio) avevo appena finito Il giovane Holden. Chiudo il libro, mi dirigo fuori dal bar. Pioggia, nebbia, gelo. Esco e sento le mie mani divenire fredde. Apro il mio fido ombrello H&M timburtoniano e mi dirigo verso la fermata del bus. Il bus arriva. Salgo, mi siedo, mi addormento. Arrivo a casa. Mangio. Salgo nella mia camera. Studio. Dormo. Arriva la sera. Fuori imperversa la tempesta. Prendo il telecomando e comincio a fare zapping. Arrivo al canale Cielo e mi fermo. Vedo il viso di Carey Mulligan e…

An education è uno dei miei film preferiti. Tutto. La storia, i personaggi, gli elementi del film, le ambientazioni. Tutto fa parte di me. Jenny è una sedicenne che ama la Francia, la musica francese, la letteratura, il cinema, l’arte. Io amo tutto ciò. Fa parte di me. Ecco perché è uno dei miei film preferiti.
E’ un film che racconta la VITA. Una ragazzina intelligente, ma sì.. sempre una ragazzina rimane. E le ragazzine si fanno incantare dagli uomini maturi che fanno la bella vita, viaggiano, hanno i soldi, partecipano alle aste. E tutto va in fumo. Lo studio, la preparazione per il college. Tutto in fumo. Una ragazzina curiosa, che vuole provare il sesso. Perché alla fine tutte le ragazze sono curiose di provare nuove cose, e a volte capita che per provare queste cose abbandonino ciò che è davvero importante. Lone Scherfig è riuscita a farci vedere come davvero stanno le cose. Una ragazza intelligente ma curiosa, i suoi genitori che non sanno cosa fare e che quindi si affidano nelle mani di lei che è la più intelligente, un seduttore maturo sposato e i suoi amici. E le interpretazioni sono magistrali. Carey Mulligan, con quel visino da bambina, riesce a farci rabbrividire al sol pensiero che anche noi siamo così. Anche noi abbandoniamo tutto ciò che è importante per sciocchezze, e ce ne accorgiamo dopo. La sua espressività riesce a trapanare anche il più insensibile e frigido degli spettatori. Il tutto è costellato dagli affascinanti anni sessanta, da ambientazioni meravigliose come l’Inghilterra e i suoi grigiori e Parigi, con la sua alta Tour Eiffel, le sue fisarmoniche, i suoi pittori di strada, le bancarelle di libri. Un tramonto sul fiume, una bottiglia di vino, la musica, l’amore. Le musiche meravigliose di Juliette Gréco, l’arte, la poesia e la letteratura. Le ragazzine che si fanno trascinare dalla magia di Jane Eyre e una professoressa che vuole insegnare i valori. Che vuole impedire a Jane di imboccare quella stradina.. un viale che sembra così bello con i suoi cip cip!, i suoi fiori.. ma poi ti accorgi solo quando sei arrivata alla fine che è un vicolo cieco. E quando ti giri è tutto grigio, non c’è più un viale.. ma un ponte crollato. Il cast è arricchito da Emma Thompson, la puritana preside Walters, che è quella persona che vuole essere il tuo PONTE CROLLATO quando capisci che devi tornare indietro. Meno male che alla nostra Jenny si presenta l’occasione di poter attraversare il burrone su una corda, la professoressa Stubbs. Questo film è reale proprio per questo, perché un’ancora di salvezza possiamo sempre trovarla in qualcuno. Non dobbiamo mai disperare quando capiamo che abbiamo fatto una stronzata, non dobbiamo rimanere inermi a traboccare di lacrime. Dobbiamo alzarci da terra, asciugarle, rimboccarci le maniche e ricominciare. Questo film è un mix di verità, fantasia, emozioni, amore, odio, rabbia, felicità, arte, letteratura, musica e tanto altro. Da vedere e rivedere perché la sua morale possa essere vista sempre da punti diversi.

Riccardo

Annunci

4 commenti su “An Education, Lone Scherfig

  1. Le tue espressioni rendono veramente al meglio lo spirito del film! Bravo ! Clap , clap . Mi è piaciuto particolarmente l’ inizio con la narrazione delle tue vicissitudini…

    P.S voglio anche io l’ ombrellino Burtoniano 😦

  2. Fantastico! Spero di vederlo al più presto 🙂
    Ed è vero, i tuoi commenti arricchiscono il tutto! Bravissimo! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: